Il restauro - Per farla risplendere ai massimi livelli, la Suzuki RGV 500 di Kevin Schwantz del 1989 è stata restaurata profondamente dal Team Suzuki Classic: l'iconica moto Grand Prix è stata completamente smontata per essere attentamente e meticolosamente analizzata dal capo meccanico Nathan Colombi. Ed è stata così protagonista dell’evento annuale di nove giorni, considerato la vetrina più importante del Regno Unito per quanto riguarda il Motorsport.

La storia - La RGV500 è quella del 1989, che è stato probabilmente il miglior anno di Kevin Schwantz per quanto riguarda i risultati, anche se alcuni incidenti gli impedirono di arrivare al titolo mondiale. In quella stagione infatti, ha terminato primo e secondo in ogni gara che ha completato, conquistando sei vittorie e tre secondi posti. Nel 1993, seppur con quattro vittorie al suo attivo, sembrava destinato ad essere sconfitto nuovamente da Rainey, ma un infortunio capitato al grande rivale gli permise di vincere e di diventare per la prima volta campione del mondo della 500. Nel 2000 il texano è stato nominato “Grand Prix Legend”.

Questa particolare RGV era stata originariamente tenuta dal team in officina come moto da esposizione, ma nel 2015 era già stata parzialmente restaurata e Schwantz l'aveva guidata all'evento "Sound of the Engine" sul circuito di Suzuka in Giappone. "Era tutto in condizioni straordinariamente buone sia dentro che fuori", ha spiegato Nathan Colombi. "Abbiamo montato nuovi cuscinetti e pistoni e durante l'evento Motorcycle Live abbiamo ricostruito completamente il telaio. È stato molto divertente incontrare allo Show tutti i fan di Suzuki e di Schwantz”.