Lo spunto ci arriva da una ricerca effettuata da DAS, compagnia di Generali Italia, in occasione del lancio di un nuovo prodotto assicurativo. Vi siete mai chiesti quali sono le regioni dove si verifica il maggior numero di sinistri che coinvolgono moto e scooter? E quelle dove ce ne sono meno? Sono tanti i fattori che incidono su questo genere di statistiche, dalle condizioni generali delle strade, alle caratteristiche specifiche del sistema viario in una data zona; ma sono anche molte, evidentemente, le variabili meno immediate, come si evince da alcune sorprese che emergono dai risultati.

LE PIÙ “PERICOLOSE” - Secondo quanto emerge dalla ricerca, la Toscana risulta essere la regione più pericolosa per i ciclomotori, con 1 incidente ogni 1.901 abitanti, mentre la Liguria lo è per le moto di media e grossa cilindrata, con 1 incidente ogni 357 abitanti.

SITUAZIONE MOTO - Secondo le elaborazioni fatte da DAS, la classifica delle strade più pericolose per i motociclisti prosegue con il Lazio, dove si è registrato nel 2016 1 incidente ogni 837 residenti e la Toscana, con 1 incidente ogni 849 abitanti. Le regioni con la più bassa densità di sinistri sono invece il Molise (1/6.368), la Basilicata (1/6.039) e la Calabria (1/5.283).

SITUAZIONE CICLOMOTORI - Chi utilizza un ciclomotore, oltre che in Toscana, rischia maggiormente di incappare in un incidente sulle strade della Liguria, 1 ogni 2.530 abitanti e nelle Marche, 1 ogni 3.533 abitanti. Le regioni dove la densità di sinistri è più bassa sono la Calabria (1/19.319), il Molise (1/16.422) e la Basilicata (1/13.763).

*fonte DAS