Claudio Domenicali, CEO di Ducati, a margine della conferenza su risultati finanziari 2016 di Audi AG, ha rilasciato delle interessanti dichiarazioni riguardanti il futuro della Casa di Borgo Panigale: "Anche se dobbiamo tener conto delle diversità tra il mondo delle auto e quello delle moto, stiamo sviluppando un piano di nuovi prodotti innovativi, che terrà conto dei macro trend globali. Anche a causa del peso delle odierne generazioni di batterie non vedremo una Ducati elettrica prima del 2020. L'elettrificazione delle due ruote avverrà in ritardo rispetto alle automobili".

DESIGN, PRESTAZIONI E TECNOLOGIA - Domenicali ha anche parlato di progetti a medio termine: "Dai prossimi mesi, le moto Ducati "saranno sempre più digitali e connesse", con sistemi che permettano di aggiornare via web i prodotti di sfruttare tutte le possibilità offerte dalle nuove tecnologie. Un esempio sarà la seconda generazione della App Multistrada, che presenteremo all'edizione 2017 di EICMA. Sarà una importante evoluzione della App che già esiste e che viene scaricata da 10.000 utenti all'anno. Oggi si possono scaricare tutti i dati registrati dalle centraline e condividerli con altri appassionati, creando anche delle classifiche virtuali tra chi ha fatto il viaggio più lungo o la piegà più spinta".

DALLA APPE ALLA TRE RUOTE - "Quella che arriverà tra qualche mese - ha proseguito Domenicali - sarà una release ancora più utile e coinvolgente. Ma non ci fermeremo qui, perché una versione rivoluzionarià della App Multistrada è prevista per il 2020. Abbiamo un gruppo di lavoro che studia ciò che sarà necessario per spostarsi nelle smart city oltre l'orizzonte del 2025. L'affollamento sulle strade richiederà sempre più veicoli compatti e di piccole dimensioni. In futuro vedremo altre Ducati premium e potrebbero avere più di due ruote...".