Il Vespa World Days è il raduno mondiale Vespa che iniziò la propria esistenza nel 2007 a San Marino, sulle ceneri dell’Eurovespa. Il raduno è tornato in Francia dal 2 e al 5 giugno, esattamente quindici anni dopo l’ultima edizione in terra transalpina, che si tenne a Nevers-Fourchambault, ovvero dove veniva costruita la Vespa Francia.

Archiviata l’edizione 2016, si guarda già al futuro: la prossa edizione si svolgerà a Celle, una città che si trova in Bassa Sassonia, Germania, e conta circa 70.000 abitanti. Sorge sul fiume Aller ed è considerata la porta meridionale alla Landa di Luneburgo. Grazie al castello e al pittoresco centro storico con oltre 400 case a graticcio, Celle è tra le maggiori attrazioni della Deutsche Fachwerkstraße, la strada tedesca delle case a graticcio.

Celle vanta un’ampia offerta culturale. I musei propongono storia, architettura e arte moderna. Il piccolo palcoscenico del castello, il più antico teatro ancora in uso in Europa, o quelli più grandi della Congress Union e della CD Kaserne ospitano spettacoli teatrali e concerti. Un mix perfetto per vespisti di ogni età.

La Landa di Luneburgo si estende dalla città di Luneburgo, a nord, a Celle, a sud. I boschi e la brughiera di origine medievale hanno dato vita al parco naturale Südheide di ca. 500 kmq. Tipiche di questa regione sono le pecore di landa, che si nutrono delle piante della brughiera.

Celle è un punto di partenza strategico per visitare i dintorni, con strade bellissime da percorrere in Vespa. In un raggio di 100 km si possono raggiungere diversi luoghi di attrazione, tra cui il lago di Steinhuder, il mare interno più esteso della Germania settentrionale con un perimetro di 24 km, Hannover, la capitale della Bassa Sassonia, e il Deister, una regione con un’ampia varietà di piante e animali.

“Cari Amici della Vespa, sono felice di darvi il benvenuto nella città residenziale di Celle in occasione dei Vespa World Days 2017” scrive Dirk-Ulrich Mende sindaco di Celle sul sito ufficiale della prossima edizione  (http://it.vespaworlddays2017.com/una-piccola-citta-un-grande-benvenuto/“La nostra città è il luogo ideale per un evento di questo tipo. E non solo perché i conducenti delle Vespe si sentiranno particolarmente a proprio agio vicino ai loro affini nel Bieneninstitut, l’Istituto di studi sull’apicoltura e sulle api con sede a Celle! Come la Vespa, anche Celle è riuscita a colmare senza grandi sforzi il gap tra tradizione e modernità. Da decenni e da secoli la nostra popolarità presso i vecchi e i giovani è pressoché immutata.

“Quando nel 1946 la Vespa fu presentata al pubblico per la prima volta, ebbe contemporaneamente inizio la sua marcia trionfale. Ancora oggi la Vespa incarna lo stile di vita italiano ed è sinonimo di libertà, spensieratezza e fascino particolare. Anche la città di Celle nel tempo non ha perduto nulla del suo fascino particolare. Ogni anno quasi due milioni di visitatori vengono qui per ammirare le nostre 500 case a graticcio meticolosamente restaurate, il castello, la chiesa municipale, il nuovo municipio, etc., e per rivivere cinque secoli di storia movimentata. Da non dimenticare: il Kunstmuseum di Celle con la collezione di Robert Simon, che è anche il primo museo al mondo aperto 24 ore su 24, la Congress Union e la CD-Kaserne, uno dei principali centri culturali e di incontro giovanile della Bassa Sassonia.

"Le animate stradine del centro storico sono un piacevole invito ad attardarsi, non solo nelle ore serali, nei numerosi locali, taverne e ristoranti. Sembrano fatte apposta per la Vespa. Come il loro nome suggerisce, le vespe sono estremamente sveglie e svelte e riescono a intrufolarsi quasi ovunque. È per questo che Celle si presta particolarmente a essere esplorata in Vespa. E cosa c’è di meglio che attraversare in Vespa il pittoresco paesaggio tutt’intorno alla città? La famiglia della Vespa di Celle sa tutto questo da tempo e ogni anno invita parenti e amici allo Heidetreffen della nostra regione", conclude il sindaco Dirk-Ulrich Mende.