L’Associazione Sostenitori della Polstrada ha chiesto al Governo un intervento urgente nei confronti di chi utilizza l’ormai famosa app alla guida di un mezzo a due e a quattro ruote o anche chi attraversa la strada giocando. La proposta è il sequestro di un mese dello smartphone sia per i conducenti, sia per i passeggeri che i pedoni.

ANCHE IL CODACONS SI FA SENTIRE - A fare eco all’Asaps c’è il Codacons, l’associazione dei consumatori che ha presentato un esposto alla Procura di Roma con l’obiettivo di far aprire un’indagine per attentato alla sicurezza dei trasporti. E’ stata inoltre richiesta, dopo numerosi incidenti, la verifica che la stessa app non rappresenti un pericolo ai sensi del Codice della Strada. In caso contrario, l’associazione si rivolgerà al ministero dei Trasporti per vietare la diffusione della stessa app su tutto il territorio italiano.