Il 2016 sarà l'anno della svolta per Ducati: ben nove nuovi modelli in arrivo e una crescita ancora più forte.

Ducati ha sfruttato la vetrina internazionale dello IAA di Francoforte  (Internationale Automobil Ausstellung) per presentare quella che è la prima grande  novità del 2016. Parliamo ovviamente della Monster 1200R, la supernaked più potente mai prodotta dalla Casa di Borgo Panigale. Novità, si. Ma questo è solo un piccolo assaggio di quello che Ducati ha in serbo per il 2016, anno in cui si concretizzerà il più grande e deciso attacco al mercato che la Casa abbia mai fatto. Sono le parole di Claudio Domenicali, Amministratore Delegato di Ducati Motor Holding, a fare luce sui piani futuri: "Il 2016 sarà ancora un anno di crescita per Ducati. Ben nove nuovi modelli, considerando anche il Monster 1200 R appena svelato, caratterizzeranno la nostra gamma 2016. Mai, prima d'ora, Ducati aveva presentato così tante moto nuove, ed EICMA sarà l’occasione ideale per mostrare ai nostri appassionati clienti le nuove proposte. Con due di queste Ducati entrerà in segmenti dove attualmente non è presente e questa sarà una delle sfide più importanti per il 2016: portare i valori Ducati di stile e prestazioni a motociclisti che fino ad oggi non avevano avuto la possibilità di conoscerci. Guardiamo al futuro con ottimismo e fiducia, forti anche di un 2015 molto positivo. Dopo i risultati che hanno caratterizzato i primi sei mesi dell’anno, con una crescita del 22% e 32.600 moto consegnate, possiamo già affermare che il 2015 ci permetterà di segnare un ulteriore record assoluto, prevedendo il superamento del traguardo simbolico delle 50.000 moto vendute prima della fine dell’anno, per la prima volta nella storia della nostra azienda. Tuttavia, il nostro obiettivo principale non è tanto perseguire la crescita dei volumi, ma sorprendere continuamente i nostri appassionati con moto bellissime. L'aumento delle vendite è solo una conseguenza della ottima accoglienza dei nostri prodotti, che sono il frutto di una linea strategica coerente con la nostra identità, guardando a nuovi mercati e accettando quotidianamente nuove ed impegnative sfide”.