Se vi state spremendo curiosi le meningi, a caccia del perché uno dei colossi mondiali simbolo della rivoluzione “green” nel settore automotive non ritenga di dover estendere il proprio raggio d’azione alle due ruote - magari sperando di trovare in qualche modo conferma alla vostra riluttanza verso le moto elettriche - potete fermare le macchine.

IN OCCASIONE dell’annuale assemblea degli azionisti, Elon Musk, CEO di Tesla, ha affrontato la questione incalzato da uno dei presenti, desideroso di avere notizie circa un possibile futuro a 2 ruote del marchio. Ricordiamo, infatti, che mentre la gamma auto è in continuo ampliamento e nuovi modelli - tra i quali un crossover e un'altra sportiva - sono in arrivo, nulla si è più saputo del progetto a due ruote “Tesla Model M” (foto in apertura).

LA RISPOSTA DI ELON MUSK, contrariamente a quanto potesse essere lecito aspettarsi, non ha avuto nulla a che vedere, né con analisi di mercato, né con questioni di carattere tecnico. Tutto è stato spiegato con un aneddoto: a quanto pare, l’imprenditore da ragazzo era uno sfegatato motociclista. Una passione spentasi di colpo, quando, all’età di 17 anni, ha quasi rischiato di uccidersi contro un camion. Da quel giorno, ha raccontato, le moto hanno smesso di avere per lui qualunque tipo di appeal. Di conseguenza, quindi, ora Musk ritiene probabilmente che debba essere così anche per il resto del mondo. O quanto meno, di quel mondo che si rivolge ai suoi prodotti. E questo è quanto, che ci crediate o no.