I tempi sono ormai maturi così, per la prima volta, affrontiamo l’argomento E-Bike sulla nostra rivista. Mentre, per quanto riguarda le moto a propulsione elettrica, ancora si può parlare di confronto diretto con le moto, per le bici da fuoristrada elettro-assistite, invece, i punti d’incontro con una mezzo da enduro sono differenti. Questa la ragione per cui abbiamo deciso di affrontare l’argomento e fare il punto della situazione.

MENO DIVIETI - Un tema che potrebbe interessare in maniera particolare non solo gli enduristi pentiti, ma anche quelli in attività che cercano uno strumento di allenamento e divertimento simile alla moto, ma più semplice da praticare durante la settimana. E soprattutto, con meno vincoli di accessibilità in zone solitamente interdette alle 2 ruote a motore.

SUL NUMERO DI INMOTO attualmente in edicola abbiamo dedicato ben 6 pagine all’argomento, in cui descriviamo utilizzo pratico e sensazioni di una E-Bike in fuoristrada, viste con gli occhi di chi è da sempre abituato alle moto da enduro. Scontato dire quanto eravamo curiosi di iniziatre questa prova.

Per l’occasione, abbiamo messo alla frusta una Thok Mig-R, la bici nata dalla passione di Stefano Migliorini, pluri campione internazionale di downhill e di Livio Suppo, team manager Ducati e Honda in MotoGP. Un mezzo, disegnato dagli studi dei designer Luca Burzio e Drudi Performances, che oltre al modello in prova Mig-R, venduta a 5.250 euro, è proposta anche nelle versioni Mig (a 4.150 euro) e Mig LE (a 6.490). In pratica, 3 diversi allestimenti dello stesso modello.

Per saperne di più, correte in edicola.