Ogni volta, è un po’ come scegliere a quale dei tanti figli vogliamo più bene. Non è mai facile, infatti, selezionare le prove più belle dell’anno. Quelle al termine delle quali ci precipiteremmo subito dal concessionario per fare l’acquisto del “cuore”.
Sugli ultimi dodici numeri di InMoto ne abbiamo pubblicate molte e ognuna di esse è stata la traduzione, a parole, delle emozioni provate su strada e in pista dai nostri tester negli ultimi 365 giorni. 
Per questo motivo, in fase di progettazione di questo numero speciale, abbiamo deciso non seguire troppo le regole consuete ma di scegliere in base ad una serie di fattori diversi.
Tra le 27 moto protagoniste delle prove più belle, ci sono alcune bestseller tra le più vendute dei rispettivi segmenti ma anche altri modelli che, dopo essere stati presentati in occasione dei Saloni invernali, in questi mesi stanno avendo un sorprendente successo sul mercato come Benelli Leoncino e Royal Enfield Himalayan.
Altre ancora, più semplicemente, hanno entusiasmato in fase di guida oppure rappresentano le ultime novità introdotte in gamma dalle varie Case costruttrici. 
Tra le altre, Honda CB1000R+, Husqvarna Vitpilen 701, KTM 790 Duke, Kawasaki Z900 RS e BMW F850 GS.
Le abbiamo divise in cinque sezioni: tre rappresentano altrettante fette importanti delle vendite totali del mercato, ovvero naked (c’è anche la Triumph Speed Triple RS), crossover (con Ducati Multistrada 1260S, Honda Africa Twin Adventure Sports, Triumph Tiger 800 e Yamaha Tracer 900) e classic/scrambler, caratterizzata anche dalla presenza della Moto Guzzi V7 III, della Suzuki SV650X e della Ducati Scrambler 1100 Special. 
La quarta, quella che racchiude le turistiche BMW K 1600 B, Harley-Davidson Sport Glide, Honda Gold Wing e Kawasaki Ninja H2 SX SE, non poteva mancare perché fa sognare i grandi viaggi o modi nuovi di percorrere centinaia di chilometri in totale sicurezza, come in sella alla moto a tre ruote Yamaha Niken.
L’ultima, quella riservata alle supersportive, in effetti non è più una “regina dei grandi numeri” ma l’abbiamo inserita comunque. Per un motivo molto semplice: perché le moto “racing”, quelle derivate dall’esperienza delle corse, fanno ancora sognare e rappresentano la massima espressione della tecnologia, dell’elettronica e della meccanica applicate al mondo delle due ruote. 
Per rappresentarla, non potevamo che scegliere la comparativa (svolta in pista, ovviamente) dedicata alla sette migliori “mille” in circolazione: le giapponesi Kawasaki Ninja ZX-10RR, Suzuki GSX-R 1000 R, Honda CBR 1000 RR SP e Yamaha YZF-R1M, la tedesca BMW S1000RR e le italiane Aprilia RSV4 RF e Ducati Panigale V4S. 
La vincitrice? Scopritelo acquistando lo Speciale InMoto “Le prove più belle”.