Due settimane, 11 moto e oltre 1.000 km di percorso. Partenza dal borgo di Leh, un enorme mercato composto da infinite viuzze che si intrecciano tra loro, per arrivare al Passo del Karakoram, nota per essere una delle strade più pericolose al mondo (durante la sua costruzione, infatti, persero la vita molti operai).

QUESTA TEMERARIA SPEDIZIONE - Himalayan Heights Expedition, è appena partita: a capo il Generale della terza divisione di fanteria dell’esercito indiano Maj Gen Sanjiv Rai, con una squadra al seguito composta da piloti appartenenti all'Esercito Indiano, piloti della Royal Enfield e dell'Himalayan Motorsport.

IL TRACCIATO - oltre a essere particolarmente impervio, non è mai stato percorso da una due ruote, figuriamoci da 11: terreno dissestato, clima estremo e aria rarefatta (l'altezza infatti non aiuta) sono solo alcune delle caratteristiche che rendono la spedizione quasi da guiness world record. Inoltre, in passato, la strada svolgeva la funzione di rotta commerciale afghana.

MA QUAL È IL MOTIVO? Gli ufficiali, uomini e donne, che prendono parte all'Himalayan Heights Expedition celebrano i vent'anni del Kargil Vijai Diwas, ovvero l’anniversario della vittoria sul Pakistan nella guerra di Kargil. Una spedizione, quindi, che ribadisce e rinnova il coraggio e lo spirito d'avventura dell'Esercito Indiano.