Mezzi spesso fuori dalle righe, le moto custom, ancora di più se in salsa bagger. Non sfugge a questa regola l’imponente Kalashnikov IZH concept cruiser, ardito esempio di custom-bike di scuola russa, proposta dalla Izhmash, marchio tra i più antichi e conosciuti nella terra degli zar, famoso soprattutto per la produzione di armi (chi non conosce l’AK-47, meglio noto come Kalashnikov?); e anche di motociclette, come la mitica Planeta 5, famosa per il suo inarrestabile motore 350, di grande robustezza e affidabilità, perfetto per affrontare i rigori della profonda Russia.

OGGI IN FASE DI "RILANCIO" MOTOCICLISTICO, IZH tenta di stupire con il concept Kalashnikov Cruiser, grossa cruiser dal peso sconsiderato - si parla di ben 515 kg - con le sembianze di una cavalcatura medievale. Ecco le misure: 2.900 mm di lunghezza, 940 mm di larghezza e 1.250 mm di altezza.

UN MEZZO COSÌ deve poter contare necessariamente su un’adeguata dotazione tecnica. A partire dal propulsore, un potente bicilindrico (di cui non è specificata la cubatura) in grado di esprimere 150 CV di potenza massima e un picco di coppia di 180 Nm. Numeri che dovrebbero consentirgli una velocità di punta di 250 Km/h e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,5 secondi.

La cruiser Kalashnikov IZH, già oggetto di diversi test e “uscite” ufficiali, dovrebbe essere pronta a sfilare al cospetto del presidente russo Vladimir Putin entro il 2019.