Anche il flacone di “1926” ricorda le forme slanciate e seducenti delle moto della Casa bolognese, e il colore nero si fonde con l’argento per esprimere innovazione mentre il rosso richiama la passione per le alte prestazioni.

“La nuova fragranza maschile ‘1926’ racchiude in sé l’appassionante mondo Ducati”, commenta Alessandro Cicognani, direttore licenze Ducati Motor Holding. “Carattere, design e stile sono gli ingredienti che vogliamo trasmettere con questa nuova linea di prodotti, frutto di questa nuova e prestigiosa partnership con Diamond International”.

 Il 1926 è una data memorabile per Ducati, l’anno di nascita della storica Casa motociclistica bolognese che ha appena festeggiato il suo 90° anniversario. Scegliere “1926” come nome della nuova fragranza maschile è stato facile e logico al tempo stesso.  

Il profumo deriva da un accordo di licenza tra Ducati Motor Holding e Diamond International, parte del gruppo So.Di.Co. e leader in molti segmenti del mercato dermo-cosmetico.

La nota “1926” identifica e propone una linea per uomo, composta da Eau de Toilet 50ml e 100 ml, shower gel e deodorante spray. Una fragranza capace di evocare emozione, passione e carattere, ma anche stile ed eleganza, proprio come le Rosse di Borgo Panigale.

La nota si apre con decisi accenti aromatici, contrastati dalla freschezza del mandarino e dai tocchi aspri del bergamotto. Nel cuore la classicità si rinnova e note cacao vestono in maniera sensuale l’eleganza della lavanda accompagnata dal rigore del geranio. Nel fondo, funzionalità ed estetica si incontrano con la forza imponente del cedro e le intense note ambrate che, avvolte da vaniglia e fava tonka, rendono il profumo confortevole.

“Crediamo fermamente in questa collaborazione tra due aziende fortemente radicate nel territorio”, afferma Claudia Colomboni, responsabile di marketing e comunicazioni del gruppo So.Di.Co. “1926 non è solo una fragranza maschile ma è soprattutto Italian Style, dove la qualità incontra lo stile e il gusto che ci rende famosi in tutto il mondo”.