Tutto è nato nel 1958 quando Ed Scott, ingegnere di talento di Idaho, rivoluzionò le piste da sci inventando il primo bastone da sci in alluminio e sancì la nascita di un nuovo marchio con la volontà di portare sul mercato innovazioni tecniche.

Nel 1970 Scott entrò nel settore del motocross presentando la prima maschera specifica per il motocross seguita da stivali, manopole e accessori da motocross.

“Quando ci mettiamo al centro del gioco, una cosa è certa: non scendiamo a compromessi”, dicono in casa Scott. “Oggi siamo estremamente orgogliosi di lanciare il nuovo casco MX 550, che incontra esattamente le necessità dei nostri rider quali ventilazione e sicurezza”.

"Get your Head in the Game per noi significa che puoi indossare un casco senza neanche accorgertene. Puoi focalizzarti al 100% sulla gara, 100% sulla vittoria sapendo che sei protetto con il miglior  equipaggiamento del mondo", aggiungono in Scott.

GLI IMPATTI E LA TECNOLOGIA - Durante gli incidenti i piloti hanno due tipologie di impatto: impatto radiale e impatto angolare. Queste forze portano a sollecitazioni violente che generano rotazioni e colpiscono la nostra testa. La tecnologia Coneahead e la Mips Technology sono state studiate per intervenire e "coprire" a dovere questi impatti.  

MX550 è stato progettato per offrire la massima ventilazione in ogni condizione. Sono state disegnate  ampie fessure frontali e aperture strategiche sul casco per offrire un flusso d'aria continuo.

“Abbiamo confrontato la ventilazione del MX550 nella galleria del vento confrontando il casco con i modelli di punta del mercato”, dicono in Scott. “MX550 si è comportato in modo egregio risultando il miglior casco ventilato sul mercato”.